“Even Silence Has Gone”, finalmente!

Quale occasione migliore di spoilerare un po’ di cose sull’uscita di “Even Silence Has Gone” per mettere mano a questo desolato blog? A meno di un mese dall’uscita del disco (che sarà il 28 maggio) e dopo tanta attesa, vi racconto un po’ di cose…

“Even Silence Has Gone” è un album di dieci tracce, dieci pezzi editi e inediti che a loro modo esplorano tutto quello con cui mi sono cimentato negli ultimi due / tre anni (post rock, stoner, ambient, folk, il Silence Trio…) mantenendo quell’anima acustica e intimista delle esibizioni live. Alcuni pezzi ve li ricorderete, altri li avrete sentiti dal vivo; qualcuno, quasi sicuramente, è inedito: ciò che li accomuna tutti e la nuova veste che abbiamo riservato a ciascuno di loro durante gli arrangiamenti e le registrazioni.

Barefoot In The Morning An Ocean Under The Ocean Breathe Three Lines Hoarfrost Untitled #1 Painted Desert Shipwrecks In Your Eyes Old Tjikko Another Place

Copia di Cover

Qua sopra trovate la copertina, oscura e malinconica, come il disco vuole essere. Tutto il lavoro di grafica (dalle foto alle scritte, passando per le mie incredibili rotture) è stato curato da Alessia Selvaggi.

C’è spazio un po’ per tutto. E anche un po’ per tutti: al disco hanno collaborato tantissime persone, sia con i loro strumenti che con i loro consigli, che proverei ad elencare in ordine sparso:

Luca Cirio: produzione, chitarre, bassi, voci, consigli preziosi; Federico Cavaliere: voci, cori, altri consigli preziosi; Ludovica Pirillo: percussioni, ammenicoli vari, supporto incondizionato; Matteo Avellina: drum programming su “Another Place”; Giulia Libertini: violoncello su “Hoarfrost”; Marco Miceli: flauto traverso su “Hoarfrost”; Riccardo Feroce: oboe e tromba su “Untitled #1”;

Senza dimenticare Rino e Il Verno per l’aiuto durante la registrazione di “Another Place”, Erica per il supporto unico nella promozione del disco e Bruno per il prestito della sua chitarra durante quel caldissimo luglio di due anni fa. Un grazie va anche alle due “entità” del Late Sound Studio e della BT Sounds Productions (che ha curato produzione e registrazione).

Teaser del disco? Presente!

Il disco verrà presentato dal vivo Giovedì 28 Maggio allo Speakeasy di Rozzano, in compagnia di una formazione allargata (qua l’EVENTO!). Quella sera la copia fisica sarà compresa nell’ingresso (10 euro assieme alla consumazione), poi sarà possibile ascoltarlo / scaricarlo dalla pagina BandCamp (che per l’occasione è stata messa a nuovo) e comprarlo online!

Bonus Track: 

Il progetto Waywords and Meansigns (il cui obiettivo è una riproposizione in chiave moderna dell’ultimo lavoro di Joyce, “Finnegans Wake”) è arrivato alla prima destinazione. Oggi viene pubblicata la prima rilettura dell’opera e l’esito è MONUMENTALE: 31 ore, 8 minuti e 11 secondi.

Nelle fasi finali del secondo capitolo del primo libro, “The Humphriad I: His Agnomen and Reputation, pp. 30-47” compaio per una decina di minuti con il mio progetto Chelidon Frame ad accompagnare la narrazione di Robert Amos e l’orchestrazione di Alan Ó Raghallaigh. Il titolo del brano in questione è “To Rhyme The Rann”.

Waywords and Meansigns: Recreating Finnegans Wake - in its Whole Wholume

Waywords and Meansigns: Recreating Finnegans Wake – in its Whole Wholume

I più coraggiosi possono sia ascoltarvi l’intera ora del secondo capitolo, sia dedicare le prossime 31 ore all’opera nel suo completo: per prendere la narrazione direttamente dal mio intervento potete selezionare la seconda traccia verso un’ora e due minuti e godervi il tutto fino al finale:
  [EDIT 06/05/2015] Il James Joyce Centre di Dublino (museo/negozio dedito alla memoria di Joyce) non è rimasto indifferente alla pubblicazione dell’opera e ha deciso di parlarne sulle proprie pagine: come estratto ha scelto proprio la traccia musicata da Chelidon Frame, “Ballad of Persse O’Reilly”. L’articolo, in cui il progetto è definito “the Italian musique concrète artist”, lo trovate a questo link: http://jamesjoyce.ie/waywords-meansigns-now-available-online/. Per il download: questo link o quest’altro, se avete torrent!

Alla prossima!

Annunci

Informazioni su Alessio Premoli

Chitarrista e compositore di Milano. Porta avanti un progetto solista, con il quale sta per pubblicare il terzo disco, e suona con altri gruppi. Scrive per passione collaborando con OverNewsMagazine e SouniDisotorti. Appassionato di fantascienza e dedito alla matematica (in cui vanta una laurea) lavora come consulente software nella speranza di diventare presto musicista fulltime!
Questa voce è stata pubblicata in Album Notes e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Even Silence Has Gone”, finalmente!

  1. Pingback: Ricreando Finnegans Wake | Alessio Premoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...