Musica Concreta?

Musica concreta. A molti gela il sangue a sentire solo la dicitura “musica” accostata a questo tipo di espressione: come può essere tale un’accozzaglia bella e buona di rumori casuali e senza senso?
Può esserlo, se il presupposto da cui partiamo è lontano da questa definizione. È ben noto che la storia della musica è apprezzata dai più finché essa si mantiene nei labili canoni del senso melodico e armonico: già dalle prime avanguardie in poi, con la rottura via via sempre più definitiva dalle regole della tradizione, il distacco è netto e parole come “rumore” e “senza senso” diventano sempre più diffuse.

Elegy For an Old Piano, a Shortwave Radio And Coins

L’idea di una musica concreta nasce con Pierre Schaffer (figura alla quale è dedicata la compilation dell’IFAR che ospita il mio brano): il principio base è quello di allontanarsi dalle regole astratte (dell’armonia, della consonanza) nella realizzazione dell’oggetto musicale a favore di principi, per l’appunto, concreti. Questa scelta viene declinata in varie forme: assenza dell’esecutore, stravolgimento dell’organico orchestrale e via dicendo. In linea di principio ogni elemento del reale può essere un possibile strumento nelle mani del compositore.
Alcune volte mi sono trovato involontariamente vicino a queste idee. Ho passato molti anni tra treni, metropolitane e strade rumorose. Spesso quell’accozzaglia informe e primordiale di brusii riusciva a salire in primo piano, vestendosi al mio orecchio di schemi e strutture appena percettibili: un ritmo sembrava nascondersi nello sferragliare delle rotaie, un contrappunto sorgeva nello scambio di passeggeri all’ennesima stazione, un decrescendo si poteva celare nelle strade poco discoste dal traffico. Il tutto sembrava muoversi seguendo un qualche tipo di ossatura, una partitura illeggibile, ma intuibile. Non molto diverso dal senso di inadeguatezza che percepisco le prime volte a contatto con le opere più vaste di Beethoven (o di altri grandi compositori): è evidente che ci sia uno schema, ma il poterlo abbracciare completamente è un lavoro arduo, frutto di molti ascolti e dedizione assoluta.
Ho cercato di riprodurre quest’idea nel mio brano, “Elegy For an Old Piano, a Shortwave Radio And Coins”, non trovando però il coraggio di abbandonare completamente il legame con uno strumento musicale: qua figura come personaggio un antico pianoforte a muro, scordato e decrepito, accanto a compagni più inusuali (quali una radio ad onde medie, alcune monete e oggetti vari). Un qualcosa di diverso dai vari tentativi che quotidianamente cerco di mettere in atto, ma comunque un tributo ad un’idea di musica con cui più volte ho avuto modo di interagire.

Qualche parola conclusiva la dedico all’IFAR, Institute for Alien Research, guidata dalla misteriosa figura di Shaun Robert. Questo ente ha in programma un totale di quaranta compilation che hanno come scopo il definire nel modo più ampio e più completo possibile il concetto di musica concreta: saranno tutte disponibili su BancCamp in download gratuito e alcuni brani faranno parte di podcast e altre proposte dell’istituto.

A voi il brano e qualche link utile!

L’intera compilation è scaricabile ed ascoltabile gratuitamente qua;
facebook.com/ifar.compilation;
facebook.com/ifarcompmag

Annunci

Informazioni su Alessio Premoli

Chitarrista e compositore di Milano. Porta avanti un progetto solista, con il quale sta per pubblicare il terzo disco, e suona con altri gruppi. Scrive per passione collaborando con OverNewsMagazine e SouniDisotorti. Appassionato di fantascienza e dedito alla matematica (in cui vanta una laurea) lavora come consulente software nella speranza di diventare presto musicista fulltime!
Questa voce è stata pubblicata in Album Notes, Musical Post e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Musica Concreta?

  1. Pingback: Ipnosi Cosmica | Alessio Premoli

  2. Pingback: here.now.where? Alla biennale di Marrakech! | Alessio Premoli

  3. Pingback: Ricreando Finnegans Wake | Alessio Premoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...